Roma, 20/07/2024
Roma, 20/07/2024

Auto elettriche e ibride plug-in, un viaggio a diverse velocita’

11

I mercati dei veicoli elettrici non viaggiano tutti nella stessa direzione o alla stessa velocità nel 2024.

Le vendite di veicoli elettrici continuano a crescere a livello globale, ma alcuni mercati stanno vivendo un significativo rallentamento, al punto che molte case automobilistiche hanno dovuto rivedere gli obiettivi sugli EV.

Tenendo conto dell’evoluzione del mercato e’ possibile asserire che i veicoli elettrici non sono più solo un fenomeno di paese ricco.

Il Brasile, l’India, la Thailandia e la Turchia, per esempio, assistono a vendite record di modelli elettrici piu’ a basso costo.

La Cina sta rafforzando la sua posizione nella catena di fornitura degli EV.

L’Europa, gli Stati Uniti, l’India stanno cercando di respingere il dominio della Cina, puntando al sostegno delle aziende nazionali. Le tariffe e ulteriori misure protezionistiche potrebbero rallentare l’adozione globale dell’EV nel breve termine.

Anche il sostegno politico ai veicoli elettrici sembra meno sicuro di quanto non lo fosse un anno fa.

I progressi degli Stati Uniti in questo settore dipenderanno dai risultati delle elezioni presidenziali di quest’anno, lasciando la Cina come l’unico grande mercato automobilistico per le vendite di veicoli elettrici.

I responsabili politici non dovrebbero perdere di vista gli obiettivi a lungo termine.

La tecnologia e’ di grosso aiuto in questo settore

Batterie di nuova generazione raggiungeranno la commercializzazione nei prossimi anni e i prezzi sono scesi del 90% negli ultimi dieci anni.

Le batterie al litio-ferro-fosfato stanno conquistando il mercato dei veicoli elettrici, riducendo il fabbisogno atteso di metalli come nichel e manganese. Le strategie di prezzo estremamente competitive continuano a mettere sotto pressione il miglioramento della tecnologia delle batterie. I miglioramenti nella tecnologia del litio-ferro fosfato (LFP), tra cui le capacità di ricarica super-veloce, le prestazioni a temperatura fredda e le maggiori densità di energia, stanno aumentando la quota di mercato, in particolare in Cina.

Dal 2023, diverse case automobilistiche,  tra cui Tesla, Mercedes-Benz, General Motors e Ford,hanno fatto tagli ai loro obiettivi a breve termine per i veicoli elettrici, spesso citando la loro incapacità di produrre veicoli elettrici a basso costo come auto.

Ma non per tutti e’ cosi’.

Kia, entro il 2030,  si pone come obiettivo quello di vendere 1,6 milioni di veicoli elettrici. Dovrebbe lanciare un SUV tutto elettrico – la EV3 – entro la fine dell’anno.

In Volvo, le vendite globali di modelli elettrificati (BEV e PHEVs), nell’aprile 2024, sono aumentate del 53% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il SUV compatto elettrico appena rilasciato – Volvo EX30 – costituisce la forza trainante dietro l’aumento anno su anno del 75% nelle vendite automobilistiche EV in Europa nel mese di aprile.

La domanda di energia elettrica

Una flotta globale completamente elettrica potrebbe consumare il doppio dell’elettricità degli USA nel 2023.

Entro il 2050, sono necessari circa 8.313 TWh di energia elettrica per alimentare un parco veicoli completamente elettrico.

Nonostante la forte crescita della domanda di energia elettrica, i veicoli elettrici possono aiutare l’elettrificazione del sistema energetico attraverso la ricarica intelligente.

Il costo per l’aggiornamento della rete per i veicoli elettrici è di circa il 16% della spesa annua.

Per soddisfare la domanda globale di energia elettrica, il settore delle ricariche dovrà maturare rapidamente nel prossimo decennio, creando opportunità per gli operatori, i produttori e gli sviluppatori.

La dimensione e la distribuzione dell’energia all’interno della rete di ricarica dipende fortemente dalle preferenze dei consumatori, dai modelli commerciali e dalla prevalenza di una tecnologia di ricarica più veloce.

Gli ibridi plug-in

Gli ibridi plug-in sembrano vivere una seconda vita, con tutte le incertezze del caso. Non e’ chiaro se siamo di fronte a una tendenza o a una transizione più lunga.

L’adozione più rapida dei PHEV è, anche in questo caso, in gran parte guidata dalla Cina, che ha superato l’Europa come il più grande mercato PHEV nel 2022, grazie alla messa sul mercato di modelli a prezzi accessibili.

L’autonomia media elettrica dei PHEV è in aumento e ha raggiunto gli 80 km nel 2023. In Cina si raggiungono gli oltre 100 km, o meglio un’autonomia media di 127 chilometri.

I clienti cinesi non tollerano ibridi plug-in che possono percorrere solo 50 km o meno con le sole batterie. BYD ha recentemente pubblicizzato un nuovo modello ibrido plug-in che può guidare per un totale di 2100 km con una combinazione di potenza della batteria e motore.

A livello globale, il settore ibrido plug-in ha goduto del più alto tasso di crescita annuale composto – +65% – nel corso dei cinque anni, secondo Bloomberg.

Le vendite in Cina sono principalmente responsabili di tale aumento. Il CAGR per le auto elettriche a batteria nello stesso periodo è stato del +57% e per i ibridi convenzionali +18%. Mentre le vendite totali di auto elettriche a batteria a livello globale sono più del doppio di quelle dei veicoli ibridi plug-in.

Bloomberg afferma che i prezzi medi di un ibrido plug-in in Cina sono diminuiti costantemente negli ultimi cinque anni.

Negli Stati Uniti un veicolo elettrico costa circa $ 20.000 in più rispetto ai modelli disponibili in Cina.

Di fronte a questo scenario c’e’, tuttavia, da considerare che l’elettrificazione non è l’unico vettore di cambiamento nel trasporto stradale. La mobilità condivisa, la connettività dei veicoli e, infine, i veicoli autonomi vogliono rimodellare  i mercati automotive e merci in tutto il mondo nei decenni a venire.

Leggi anche:

Auto elettriche, Volkswagen firma una joint venture con Rivian Automotive

Related Posts