Roma, 18/06/2024
Roma, 18/06/2024

L’IA incontra la bici elettrica: nasce Acer Ebii

11

Un computer aiuta l’utente in sella alla nuova e-bike del colosso taiwanese Acer a spostarsi nel modo più efficiente possibile. L’Acer Ebii

Non solo auto con l’intelligenza artificiale. Il colosso informatico taiwanese Acer ha pensato alla versione su due ruote di questa tecnologia, che ha chiamato Ebii. Al momento non si sa quanto dovremo aspettare per vederla sulle nostre strade ma ne conosciamo le specifiche tecniche, dalla batteria fast charge al sensore posteriore senza mai dimenticare la cosa più importante: il cervello artificiale.

Dai computer alle e-bike

Se buona parte del mondo conosce Acer per i suoi computer, c’è tanta curiosità per il suo tuffo nel mondo della mobilità sostenibile. La nuova e-bike del colosso di Taiwan forse è un modo per coniugare le conoscenze informatiche dell’impresa con un settore sempre più in crescita come quello delle due ruote elettriche.

La smartbike sarà dotata di una centralina di controllo del veicolo in grado di rendere la guida piacevole, priva di sforzo e sempre più semplice. Un software che si chiama ebiiAssist aiuterà il conducente non solo a scegliere i propri itinerari, ma anche a non percepire particolarmente le variazioni nelle condizioni del percorso. L’IA, infatti, cambia le istruzioni da dare al motore a seconda di ciò che “legge” sul pavimento stradale.

Le caratteristiche di Acer Ebii, la bici intelligente

Con un telaio in lega di alluminio che la fa pesare soltanto 16 kg, Ebii assiste la pedalata grazie a un motore che eroga 250 W. La batteria a ioni di litio (che supporta la ricarica rapida in 2,5 ore) ha un’autonomia dichiarata fino a 110 km e può anche essere utilizzata per ricaricare computer e dispositivi mobili – una chicca che piacerà sicuramente a chi conosce Acer per l’informatica, che non ne distacca completamente l’attenzione.

La batteria di Ebii (Acer)

A differenza di altri mezzi, questa e-Bike è così smart da non avere bisogno di marce, perché rileva le condizioni di guida e decide per il conducente. La cinghia, che è in fibra di carbonio, è esente da manutenzione, mentre gli pneumatici sono airless e antiforatura. Il design è molto accattivante e minimalista, e le forcelle in corrispondenza delle ruote sono solo da un lato, il che rende il mezzo leggero e la pedalata più controllata.

I sensori posteriori, quasi fosse un’auto

Proprio come un’automobile, Ebii ha anche un radar di collisione posteriore in grado di avvisare il conducente di eventuali oggetti e veicoli in avvicinamento da dietro. Un sistema utile quando ci si sposta in mezzo al traffico, e che può aiutare i ciclisti a evitare incidenti. La vista è ulteriormente favorita dalle luci a led, presenti sia nella classica posizione anteriore e posteriore che sui lati.

Puoi controllare tutte le specifiche dal tuo smartphone (Acer)

Per sbloccare la bicicletta basta un solo tocco sull’applicazione, che tra l’altro mostra anche dettagli come la durata della batteria, la velocità di movimento e altre impostazioni di viaggio. Inoltre, in caso qualcuno tenti di spostare il mezzo senza averlo prima sbloccato, il GPS lo notificherà al proprietario e ne segnalerà la posizione in tempo reale.

“L’assistenza IA e le innovative funzioni di sicurezza di Acer Ebii permettono di andare più lontano, più velocemente – ha spiegato Jerry Kao, che è il co-CEO di Acer Il debutto nel mercato delle biciclette elettriche riunisce il lavoro delle filiali di Acer, come il sistema di alimentazione di Mps Energy e il cycling computing di Xplova”.

Il design della nuova Ebii, dotata di sensori posteriori (Acer)

Related Posts