Roma, 20/04/2024
Roma, 20/04/2024

Colonnine di ricarica in superstrade e città: gli avvisi di selezione del MASE

11

I progetti per l’assegnazione di oltre 270 milioni per 6.500 colonnine di ricarica in superstrade e centri urbani devono essere presentati entro il 9 giugno

Pubblicati gli avvisi per presentare progetti volti alla realizzazione di infrastrutture di ricarica elettrica sulle superstrade e nei centri urbani.

L’intervento del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica rientra nella misura del PNRR per lo sviluppo delle infrastrutture per la mobilità elettrica: le risorse complessivamente allocate per questo investimento (Missione 2, Componente 2, Investimento 4.3) sono pari a 713 milioni di euro e hanno l’obiettivo di installare oltre 21.000 colonnine entro il 30 giugno 2026. L’iniaziativa contribuirà così a potenziare l’infrastruttura di ricarica e accelerare la penetrazione dei veicoli elettrici nel nostro Paese.

Oltre 270 milioni di euro per 6.500 colonnine di ricarica

Gli avvisi appena pubblicati si rivolgono alle imprese di qualsiasi dimensione e operanti in tutti i settori o ai raggruppamenti temporanei. Ed i finanziamenti sono così suddivisi:

  • 150 milioni di euro per realizzare stazioni di ricarica sulle superstrade;
  • 127 milioni di euro sono destinati alle zone urbane.

Con le risorse messe a disposizione, si stima di poter realizzare 2.500 stazioni di ricarica rapida super veloci per veicoli elettrici lungo le superstrade e 4.000 nelle zone urbane. Entrambi gli avvisi pubblici sono disponibili sul sito del MASE

Con la pubblicazione degli avvisi e, soprattutto, con l’impegno da parte degli operatori a presentare le proposte progettuali nei tempi previsti sarà possibile conseguire la sfidante milestone di avere al 30 giugno la graduatoria dei progetti selezionati” ha commentato il Ministro Gilberto Pichetto Fratin. “Un traguardo importante rispetto al quale stiamo lavorando senza sosta e serve, ancor più oggi, uno sforzo comune, nella direzione di una nuova mobilità”.

I progetti devono essere presentati tramite accesso all’apposita piattaforma predisposta dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) entro il 9 giugno 2023.

Related Posts