Roma, 18/07/2024
Roma, 18/07/2024

Ecco i primi moduli del Citroën Skate, la piattaforma mobile elettrica ed autonoma

11

Citroën svela i primi moduli che possono essere montati sullo Skate, la piattaforma mobile elettrica ed autonoma presentata nel 2021 e che si propone di cambiare radicalmente il concetto di mobilità urbana

Un’alternativa alle auto elettriche e comunque una via che si sta esplorando per la mobilità sostenibile e avanzata è rappresentata dai moduli autonomi che si spostano nelle città, delle sorte di piattaforme con Pod, se vogliamo, che possono trasportare passeggeri offrendo loro una esperienza che va a prescindere dalla guida, oppure merci.

In passato abbiamo parlato di un progetto del genere, il nostrano Climb-E proposto da Italdesign: il concetto è quello di offrire ai cittadini di una metropoli o comunque di una città la possibilità (condivisa) di spostarsi tramite moduli che si guidano da soli, che partono addirittura dalle case private muovendosi anche in verticale tipo ascensore, per poi affrontare la strada ospitando al loro interno anche attività come studi medici, salette per riunioni di lavoro e così via.

Citroën Skate, la piattaforma mobile e i primi moduli

Un’idea ambiziosa ed avveniristica, che non è comunque isolata. Un colosso come Citroën nel 2021 aveva presentato lo Skate, una sorta di piattaforma mobile a quattro ruote sferiche omnidirezionali che funge da base per moduli o capsule dove ospitare i passeggeri che si muovono per le città.

Una base a guida autonoma ed elettrica quindi che si presta a diverse configurazioni, e due anni dopo la casa francese ha iniziato a mostrare in occasione del Salone dell’Auto di Shangai le varie possibilità che può offrire il suo Skate, che misura 260 cm per 160 cm, con altezza pari a 51 cm.

In particolare Citroën ha svelato tre moduli possibili per la sua creazione all’interno del progetto Autonomous Mobility Vision del marchio del gruppo Stellantis, e con ognuna che offre diverse possibilità agli utenti. Abbiamo l’Immersive Air, Pod fisico, e a seguire il Cozy Capsule ed il Wander Café, che invece sono cabine digitali.

I tre moduli Citroën nel dettaglio

Il primo presenta una forma ovale, sorretta da una colonna portante verticale e con una doppia porta scorrevole in vetro colorato per garantire la privacy degli occupanti. All’interno i passeggeri possono godersi il viaggio ascoltando musica, fare karaoke, guardare film o serie tv o giocare ai videogiochi in modo immersivo grazie all’illuminazione ultratecnologica, display 4k e al suono surround. Di conseguenza l’obiettivo è quello di poter fruire di una esperienza piacevole di viaggio, senza lo stress dei tragitti urbani grazie anche all’ambizione del progetto Skate di rendere più scorrevole il traffico, e con una filosofia open-source. La lounge è completata poi dall’ergonomia degli spazi interni.

Fonte: Media Stellantis

Il Cozy Capsule è indirizzato ad un massimo di due passeggeri, ed è un modulo il cui design è ispirato dai flaconi di profumi francesi, “con un guscio esterno di cristallo su una base piatta e la parte superiore della capsula ricoperta da una luce color tramonto”, spiegano con accenti lirici da Citroën. All’interno un sedile principale regolabile e reclinabile sino a 180 gradi, a forma di guscio d’uovo e di colore arancione. Il comfort dovrebbe essere completato da un ambiente interno che presenta finiture in Alcantara soft touch, mentre il tettuccio traslucido può essere regolato per garantire maggiore privacy al passeggero, che dovrebbe sentirsi come protetto in un bozzolo.

I due sedili sono uno di fronte all’altro, con il secondo realizzato in sughero; infine non manca pure un sistema di purificazione d’aria e delle piante auto-irriganti sospese sul soffitto del pod. Il compito di questo modulo è garantire il relax e il sollievo dalla stanchezza ai passeggeri, ad esempio quando tornano da una giornata di lavoro.

Fonte: Media Stellantis

Una diversa esperienza, meno zen, viene offerta dall’altro modulo digitale, il Wander Café. Anche in questo caso vengono accolti due passeggeri seduti uno di fronte all’altro, ma l’enfasi di questo Pod aperto, senza porte, è quello della degustazione di cibi e bevande self-service con erogazione automatica mentre si è in viaggio per la città.

Fonte: Media Stellantis

La massima personalizzazione per i moduli del Citroën Skate

I tre moduli, come abbiamo detto, si integrando con il Citroën Skate, supporto mobile per i Pod e che consente in teoria a terzi come altre aziende o enti pubblici di poter creare ogni genere di capsula per varie funzioni ed esperienze, non solo di piacere ma anche di lavoro, integrandosi con la piattaforma mobile.

La tecnologia è a guida autonoma, con Citroën che ha preferito per ora puntare su questi moduli condivisi anziché offrire una vettura privata a guida completamente assistita (“cosa che sarebbe troppo costosa”).

L’approccio di Citroën Autonomous Mobility Vision si basa invece sull’ottimizzazione dei costi della tecnologia autonoma, massimizzando l’uso dei Citroën Skate. Inoltre, una gestione intelligente della flotta permette di utilizzare i Citroën Skates il più possibile in base alla domanda”, viene spiegato nel comunicato stampa di presentazione, specificando che lo Skate utilizza corsie dedicate.

Le caratteristiche del Citroën Skate

Ma quali sono le caratteristiche di questa piattaforma mobile? Abbiamo detto del fatto che è elettrico ed autonomo, ma va poi puntualizzato il fatto che la ricarica è a induzione in maniera automatica nei punti dedicati, in modo da consentire il servizio permanente 24 ore al giorno e 7 giorni su sette. Ci vogliono meno di 10 secondi per posizionare i Pod sullo Skate, fanno sapere da Citroën, e la velocità massima non va oltre i 25 km/h, scendendo persino a 5 km/h per garantire la massima sicurezza (per la gioia di chi si lamenta dei limiti di velocità di 30 km/h nei centri delle città).

I sensori permettono di rilevare la presenza di pedoni, di ciclisti, auto o altri utenti della strada o ostacoli vari. Le luci sono tali (bianca davanti, rossa dietro) per indicare il senso di marcia al resto delle altre vetture e pedoni. Le ruote Eagle 360 di Goodyear come abbiamo detto sono omnidirezionali, invertendo ad esempio la marcia sul posto e riuscendo a far infilare il mezzo negli angoli più reconditi. Per aumentare la sensazione di comfort, lo Skate è equipaggiato di smorzatori idraulici mobili.

Immagine di Copertina: Media Stellantis