Roma, 25/06/2024
Roma, 25/06/2024

Poste presenta il progetto Polis: prevista anche l’installazione di cinquemila colonnine di ricarica nei piccoli comuni

11

Alla presenza del Governo e del Presidente della Repubblica è stato presentato a Roma il progetto Polis di Poste Italiane, che punta ad integrare nei suoi uffici nei piccoli comuni servizi di pubblica amministrazione, spazi di coworking ed anche l’installazione di colonnine di ricarica per auto elettriche

Poste Italiane ha presentato l’ambizioso progetto Polis, una iniziativa che mira a cementare “la coesione economica, sociale e territoriale” in Italia e al tempo stesso superare il divario digitale nei piccoli comuni e nelle aree interne del Paese.

Un progetto – finanziato per 800 milioni di euro dal PNRR e per circa 400 milioni da Poste, convenzionato con il Ministero delle Imprese e del Made in Italy – quindi molto importante, lanciato durante un evento a Roma con la presenza dello stato maggiore del Governo, dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni ai ministri Giorgetti, Urso, Zangrillo, Piantedosi, Fitto ed Abodi. Inoltre ha partecipato alla presentazione anche il presidente della Repubblica Mattarella, mentre in platea c’erano circa 5000 sindaci rappresentanti i Comuni coinvolti nel progetto.

Cosa prevede il progetto Polis

Con Polis, Poste intende realizzare uno sportello unico per l’erogazione dei servizi della pubblica amministrazione, in modo tale che nei piccoli centri con meno di 15000 abitanti (stimati in circa 7000 comuni) e che abbiano almeno un ufficio postale si possa usufruire di vari servizi della PA in modalità digitale, sia in maniera autonoma che assistita, oltre ad accedere a tante altre innovazioni utili al pubblico. Da Poste fanno sapere che per ora 40 uffici postali sono stati attrezzati con il nuovo servizio, mentre i lavori sono stati avviati in altri 230 per poi arrivare ad un numero complessivo di 1500 centri postali entro la fine del 2023.

Spazi di coworking, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica

Non solo pubblica amministrazione: Polis mira anche ad allestire un migliaio di spazi esterni presso gli uffici per ospitare “iniziative culturali, di salute e benessere”, una rete di 10.000 postazioni di lavoro condiviso e di riunione per 250 “spazi per l’Italia”, a rappresentare la seconda linea di intervento di questa iniziativa delle Poste.

Il progetto, inoltre, prevede anche la realizzazione di 5000 colonnine di ricarica per i veicoli elettrici e 1000 impianti fotovoltaici per edifici green e sostenibili dotati di sistemi di smart building, con sensori di monitoraggio ambientale.

La presidente di Poste Italiane, Maria Bianca Farina, ha così commentato il progetto: “Poste Italiane contribuirà a colmare il gap infrastrutturale tra città e piccoli centri offrendo servizi essenziali con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei cittadini”. Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste, ha aggiunto: “Il progetto Polis nasce per garantire a 16 milioni di italiani che vivono nei comuni con meno di 15.000 abitanti pari opportunità di accesso ai molteplici servizi della Pubblica Amministrazione, avvicinandoli concretamente allo Stato. La sua attuazione contribuisce ad accelerare anche la trasformazione digitale del Paese“.

Related Posts