Roma, 15/04/2024
Roma, 15/04/2024

Jetson One, l’eVTOL che tutti possono pilotare. Testato in Italia e con l’autorizzazione dell’ENAC [VIDEO]

11

Il Jetson One punta a rivoluzionare il concetto di volo, aprendolo a tutti. L’eVTOL monoposto è un ultraleggero testato in Italia (con autorizzazione ENAC ed Aero Club d’Italia) già disponibile per i pre-ordini: le caratteristiche

La diffusione degli eVTOL non è più una ipotesi fantascientifica (o utopistica, a seconda dei punti di vista). I velivoli elettrici a decollo ed atterraggio verticale si avvicinano sempre di più alla nostra quotidianità, con progetti che dalla fase prototipale stanno diventando qualcosa di concreto. È il caso ad esempio del Jetson One, piccolo drone che accoglie una persona realizzato dalla start-up svedese Jetson.

Le caratteristiche del Jetson One, eVTOL ultraleggero testato in Italia

Quest’ultima opera in una base di ricerca e sviluppo ad Arezzo, dopo il trasferimento delle attività dalla Polonia all’Italia. In questo modo l’eVTOL è stato testato in un campo volo dotato di una pista di 800 metri.

One, come abbiamo detto, è un drone monoposto che tocca una velocità di punta di 102 km/h, con autonomia di 20 minuti e altitudine massima di 1.500 piedi (ovvero sui 457 metri). Il peso totale è inferiore ai 90 kg. Inoltre è sospinto da otto motori elettrici dotati di altrettanti pacchi batterie, che a loro volta mettono in funzione un pari numero di rotori che consentono decollo, volo ed atterraggio. In caso di avaria di un motore, One può continuare a volare. E nella peggiore delle ipotesi, si aziona un paracadute balistico, mentre dei sensori LiDAR consentono una procedura automatica di atterraggio.

Un eVTOL alla portata (intuitiva) di tutti

Inoltre, dall’azienda fanno sapere che l’eVTOL è alla portata di tutti, grazie ad un computer di volo talmente intuitivo. Ed assicurano che una persona può imparare a padroneggiare totalmente il mezzo in circa cinque ore. In particolare, con la destra si controlla la direzione, e con la sinistra l’altitudine da terra. I più complessi calcoli aerodinamici vengono invece processati dal computer.

Jetson ha ricevuto ben 15 milioni di dollari di finanziamento, e come riporta The Brighter Side tra i sostenitori del progetto c’è pure un artista molto sensibile quando si parla di innovazione, ovvero il produttore will.i.am. L’ultraleggero, grazie alle sue caratteristiche e al suo peso, ha incontrato meno ostacoli burocratici nell’ottenimento della certificazione di volo. Non è necessaria infatti una licenza apposita per pilotare il Jetson One, date le sue caratteristiche (quasi un jetpack che un eVTOL vero e proprio, a voler esagerare).

L’azienda con questo velivolo intende democratizzare l’esperienza aviotrasportata, immaginando un futuro in cui i cieli saranno solcati dagli One, “proprio come oggi le strade sono piene di automobili“, come ha dichiarato ad Axios l’amministratore delegato Stéphan D’Haene.

Le certificazioni che Jetson One ha ottenuto in Italia

L’eVTOL può volare anche in Italia, almeno in forma sperimentale. Lo scorso ottobre infatti One è stato il primo eVTOL ultraleggero a ricevere il certificato di immatricolazione da parte dell’Aero Club d’Italia. A stretto giro è poi è arrivata dall’ENAC l’autorizzazione operativa, passo fondamentale per arrivare alla validazione definitiva dell’One e consentirgli così la possibilità di volare nei nostri cieli.

Intanto si parla di 300 pre-ordini. Il costo? 98.000 dollari, pari a circa 90.000 euro.

Immagine di Copertina: Jetson One

Related Posts