Roma, 25/06/2024
Roma, 25/06/2024

Camion a guida autonoma: Volvo e Aurora insieme per produrli. Presto i primi viaggi senza conducente

11

Volvo e la start-up Aurora Innovation hanno messo a frutto la loro collaborazione per realizzare camion a guida autonoma. Presentato il primo modello, un semirimorchio di Classe 8, che potrebbe intanto coprire tratte prestabilite in Nord America senza ausilio umano

Nel 2018 Volvo ha posto le basi per la collaborazione con la start-up Aurora Innovation per realizzare camion a guida autonoma. L’accordo tra le due parti ha portato alla nascita della Volvo Autonomous Solutions, che mira alla realizzazione di mezzi pesanti che percorrano da hub ad hub strade – prestabilite e precaricate – del Nord America.

Il primo modello di camion a guida autonomo di Volvo e Aurora

Il traguardo potrebbe essere già fattibile per questa estate, come riporta TechCrunch.com. Intanto il modello è pronto: il Volvo VNL Autonomous sarà dotato della tecnologia Aurora Driver di livello 4, che comprende un software di guida autonoma supportato da telecamere ad alta risoluzione, radar per immagini e sensori LiDAR che possono rilevare la presenza di oggetti e ostacoli a circa 400 metri di distanza.

Presentato all’ACT Expo di Las Vegas, il camion VNL è un semirimorchio di Classe 8 studiato per tratte a lungo raggio. Esso può, come abbiamo accennato, effettuare percorsi specifici senza il controllo umano, e sarà il punto di partenza per estendere le tecnologie autonome agli altri modelli Volvo. Questo è quello che ha assicurato il presidente di Volvo Autonomous Solutions, Nils Jaeger: “Questo camion è il primo della nostra piattaforma tecnologica standard autonoma globale, che ci consentirà di introdurre ulteriori modelli in futuro, portando autonomia a tutti i marchi di camion del Gruppo Volvo e in altre aree geografiche e contesti d’uso”.

Aurora collabora anche con Continental per hardware di guida autonoma

Il camion è ovviamente frutto di una serie di test, anche su strade pubbliche. Aurora, dal canto suo, intende lanciare 20 mezzi autonomi entro l’anno corrente. Per poi salire a quota 100 nel 2025. Inoltre la start-up collabora con Continental, sempre con l’obiettivo di poter portare sul mercato camion autonomi nel 2027. Le due realtà hanno stretto un accordo da oltre 300 milioni di dollari per produrre in serie hardware studiati proprio per mezzi pesanti dotati di questo tipo di tecnologia.

Quale sarà la prima tratta del camion a guida autonoma di Volvo ed Aurora

Shahrukh Kazmi, Chief Product Officer di Volvo Autonomous Solutions, ha spiegato come riporta un comunicato ufficiale: “Il nostro approccio ingegneristico alla piattaforma dà priorità alla sicurezza incorporando sistemi di ridondanza ad alta garanzia progettati per mitigare potenziali situazioni di emergenza. Abbiamo costruito il Volvo VNL Autonomous da zero, integrando questi sistemi di ridondanza per garantire che ogni componente critico per la sicurezza fosse intenzionalmente duplicato, migliorando così in modo significativo sia la sicurezza che l’affidabilità”. La prima flotta sarà prodotta presso lo stabilimento Volvo di New River Valley in Virginia. Una delle prime tratte dovrebbe essere quella tra Dallas e Houston, percorsa da un numero massimo di 20 camion autonomi per il trasporto merci.

I camion quindi potrebbero accelerare e superare i progetti di veicoli autonomi (in particolare i robotaxi) che si sono un po’ impantanati, come quelli di Tesla, Waymo e Cruise? Come riporta The Verge, Aurora non ha subito degli incidenti nei suoi test rispetto ad altre start-up che hanno dovuto fare i conti con imprevisti di questo genere con i propri mezzi autonomi. La stessa azienda ha collaborato con società di logistica come FedEx, Uber Freight o Ryder per dei programmi pilota.  Ma contestualmente ha dovuto licenziare a gennaio il 3% della propria forza lavoro per rientrare nei costi, in vista dei lanci commerciali.

Immagine di Copertina: Aurora Innovation

Related Posts