Roma, 22/05/2024
Roma, 22/05/2024

Dal 2028 i voli passeggeri saranno alimentati da idrogeno invece che da carburante?

11

L’aviazione globale contribuisce al 2.1% delle emissioni di carbonio. Il caso della olandese Unified International, che punta alla sostituzione dei tradizionali carburanti con l’idrogeno entro il 2028.

Tra pochi anni un volo da Rotterdam a Londra o da Roma a Madrid potrebbe essere alimentato a idrogeno, al pari di quanto si sta già sperimentando anche in ambito di trasporto ferroviario. Una soluzione, questa, che rientra nel ventaglio di soluzioni per ridurre le soglie di inquinamento del pianeta.

Unified International, che ha fondato un consorzio olandese con 17 consorziati, tra cui imprese e soggetti pubblici, compreso il governo olandese. Obiettivo temporale del progetto? Alimentare gli aerei di linea con idrogeno entro il 2028. Un obiettivo ambizioso, se si pensa che Airbus, impegnata anch’essa in piani di ricerca e sviluppo per sostituire su propri vettori il carburante con l’idrogeno, si è data come target temporale il 2035.

Naturalmente la sostituzione degli attuali carburanti con l’idrogeno comporterà una rivisitazione del design interno dei vettori. Attualmente il tradizionale carburante si trova all’interno delle ali dell’aereo. Al contrario, il carburante a idrogeno avrà bisogno di serbatoi isolati tra loro e disposti in modo tale da redistribuire i pesi. Secondo Unified International al momento l’ipotesi più plausibile è quella di posizionare le capsule di idrogeno nella coda dell’aereo.

Gli aerei potrebbero realisticamente trasportare dai 40 agli 80 passeggeri per volta, ma questa soluzione potrà essere adattata ad aerei più grandi. Una ulteriore considerazione riguarda i tempi di percorrenza, che se non imporranno cambiamenti sostanziali per i voli tra paesi limitrofi o presenti in una stessa regione, potranno invece essere sottoposti a dilatazioni dei tempi di percorrenza nel caso dei voli a lungo raggio o transcontinentali. 

L’aviazione globale contribuisce al 2.1% delle emissioni di carbonio. Naturalmente si tratta di un settore fondamentale per molte attività fondate sullo spostamento di persone a livello globale e non può essere pertanto messo in discussione. Ecco perché è oggetto di ricerca verso nuove soluzioni di sostenibilità. 

Related Posts