Roma, 01/03/2024
Roma, 01/03/2024

L’aliscafo di Candela elettrico, silenzioso ed autonomo pronto ad entrare in servizio

11

Candela, l’azienda svedese che produce barche elettriche in particolare per tratte costiere e urbane, sta per rendere operativo l’aliscafo a zero emissioni P-12 Shuttle, che tra l’altro è pure totalmente autonomo

Torniamo a parlare di Candela, azienda svedese specializzata nella produzione di barche e natanti innovativi e a zero emissioni. Tra le creazioni studiate per solcare le acque in maniera sostenibile rientra l’aliscafo elettrico P-12 Shuttle, pronto per il lancio questa estate.

Il Candela P-12 Shuttle: le caratteristiche, i risparmi nei consumi e la guida autonoma

La navetta che può ospitare 30 passeggeri rappresenta l’alternativa più ecologica e, fanno sapere dall’azienda, più efficiente al normale trasporto costiero: il P-12 può toccare velocità pari a 60 km/h senza generare scie grazie alle ali portanti sotto la carena che consentono all’imbarcazione di scivolare sull’acqua in maniera pulita e silenziosa.

Candela inoltre informa che il P-12 promette tempi di percorrenza sino al 60% più rapidi nelle aree costiere rispetto alle controparti diesel, con una efficienza dal punto di vista energetico superiore del 400% se confrontato con altre navi veloci. Inoltre, il motore è di 88 kW, l’85% in meno rispetto ai traghetti diesel tradizionali, con un consumo energetico ridotto però dell’86%. In pratica, si risparmierebbe sino al 90% sui costi del carburante. Inoltre i costi operativi nel loro complesso si ridurrebbero del 50%.

Il comparto autonomo si caratterizza per un sistema messo a punto da Candela che stabilizza in maniera automatica il traghetto durante la crociera regolando le ali portanti e sfruttando i sensori che analizzano le onde e la loro altezza, la velocità del vento ed altri dati utili.

Immagine: Candela

Il progetto del P-12 fa il pieno di finanziamenti

Un progetto che ha intercettato un finanziamento pari a 20 milioni di dollari da parte di EQT Ventures e degli investitori Joel Eklund di Fosielund Holding AB e Svante Nilo Bengtsson di Marknadspotential AB, che vanno ad aggiungersi ai 24 raccolti nel 2022. Più il contributo di Ocean Zero che sta sovvenzionando altri progetti di natanti elettrici come i catamarani elettrici di ZEN Yachts. I fondi raccolti permettono così la produzione di massa del P-12 Shuttle e il lancio che avverrà in estate a Stoccolma.

Il servizio operativo a Stoccolma

L’aliscafo rappresenterà infatti un’alternativa ovviamente ecologica, ma anche più rapida ed economica al trasporto su gomma, spiegano da Candela, ed infatti la contea di Stoccolma (che già vedrà quest’anno circolare tra le proprie isole il primo traghetto elettrico autonomo al mondo) scommetterà su questo mezzo collegando la cittadina di Ekerö al centro della capitale svedese. Il tutto in 25 minuti rispetto ai 55 minuti della tratta terrestre con auto o mezzi pubblici, o quella sui corsi d’acqua con i traghetti tradizionali. E questo consentirà anche molte più partenze. Considerato poi il fatto di non emettere scie, il P-12 godrà della possibilità tramite una speciale esenzione di potersi muovere ad una velocità di 12 nodi nelle acque urbane, ovvero circa 22 km/h.

Immagine: Candela

Le potenzialità del mercato per le loro navi elettriche, secondo le stime di Candela, potrebbero avere un valore superiore ai 30 miliardi di dollari considerando sia i natanti e traghetti urbani che quelli costieri.

Immagine di Copertina: Candela

Related Posts