Roma, 15/04/2024
Roma, 15/04/2024

General Motors potrebbe ripensarci sulle celle a sacchetto per la sua piattaforma Ultium: si passa alle batterie introdotte da Tesla?

11

È possibile che General Motors riveda la piattaforma Ultium per i suoi veicoli elettrici, in modo da non ospitare più batterie con celle a sacchetto, bensì quelle cilindriche di tipo 4680 introdotte da Tesla. Ecco perché

General Motors potrebbe modificare i suoi piani per la nuovissima piattaforma Ultium, base per la gamma di veicoli elettrici della casa automobilistica e che al momento si trova nei modelli GMC Hummer EV e Cadillac Lyriq (e in futuro per la Chevy Silverado EV, l’Equinox EV ed altre vetture elettriche del marchio).

Perché General Motors ci ha ripensato sulle sue batterie

Secondo quanto riporta l’indiscrezione fatta filtrare dal sito The Elec, GM sta valutando la possibilità di accantonare le batterie con celle a sacchetto (chiamate pouch, e fornite da LG Energy Solution, con la quale si è poi creata la joint venture Ultium Cells) per optare invece ad un tipo più tradizionale, quelle a cilindro.

Di conseguenza la piattaforma Ultium potrebbe essere riconvertita per ospitare questa tipologia di accumulatore, in particolare la versione 4680, l’innovazione introdotta da Tesla e consistente in celle molto più grandi di quelle tradizionali agli ioni di litio, che possono accumulare cinque volte più energia rispetto a quelle normali toccando una densità pari a circa 300 Wh/kg, consentendo una produzione più semplice ed ottimizzata ed abbattendo i costi che si riverberano poi sulla vettura stessa.

Il confronto tra batterie con celle a sacchetto e la nuova 4680

Ovviamente è da vedere se alla fine GM opterà per la 4680, sulla falsariga delle intenzioni di altre case automobilistiche e gruppi come Stellantis, BMW e Volvo. C’è da dire però che in generale il confronto tra le batterie a cilindro e quelle a sacchetto pende più favorevolmente per queste ultime in termini di densità energetica, che è maggiore in quelle di tipo pouch. Le celle a sacchetto a loro volte consentono una miglior organizzazione degli spazi vista la loro dimensione ridotta e sottile, potendo essere impilata una sopra l’altra.

La versione 4680 delle cilindriche con maggiore densità, però, rimetterebbe tutto in discussione, con le case automobilistiche che per stare al passo di Tesla stanno rivedendo le proprie piattaforme: inoltre con l’aumento delle dimensioni delle batterie si riduce lo spreco di spazio lasciato libero da accumulatori più ridotti.

Sembra comunque che questa possibile decisione di GM abbia creato maretta con LG Energy Solution, determinando uno stop alla creazione di un quarto impianto di produzione di batterie frutto della collaborazione tra i due colossi.

Le celle a sacchetto, o pouch (The Drive/General Motors)
Le cilindriche 4680 (The Drive/Tesla)

Immagine di copertina: GM/Ultium

Related Posts