Roma, 18/06/2024
Roma, 18/06/2024

Marelli annuncia un modulo di gestione termica che migliora l’autonomia delle auto elettriche

11

Marelli introduce una innovazione per migliorare l’autonomia delle auto elettriche e non solo: un modulo di gestione termica integrata (iTMM) che ottimizza la gestione termica della vettura

Una delle questioni principali sollevate nel dibattito sulle auto elettriche riguarda l’autonomia. La tecnologia però sta andando avanti con progressi difficilmente immaginabili solo pochi anni fa, con l’impegno di aziende, start-up, case automobilistiche e della filiera della componentistica.

Il modulo di gestione termica integrata iTMM di Marelli

Marelli, ad esempio, ha annunciato una innovazione studiata proprio per le vetture EV. La storica compagnia italiana negli ultimi anni ha lavorato e lavora tutt’ora per soluzioni per la nuova mobilità, come il modulo iTMM, integrated Thermal Management Module. Si tratta di un modulo di gestione termica integrata – sviluppato dalla divisione Thermal Solutions – che fa sì che i vari circuiti termici di un’auto elettrica siano combinati in un unico componente. Questo assicura maggiore efficienza nella gestione termica, che si riflette conseguentemente in un miglioramento dell’affidabilità del veicolo e della sua autonomia.

L’efficienza termica del modulo Marelli

Se le vetture elettriche attuali utilizzano diversi scambiatori di calore per le esigenze di riscaldamento e raffreddamento sia della componentistica che per l’ambiente nell’abitacolo (richiedendo un certo dispendio energetico), l’iTMM funziona in maniera differente. Premesso che sono tre i sistemi termici che consumano maggiormente energia, ovvero quello del motore elettrico, quello della batteria e quello dell’abitacolo, il modulo di Marelli tramite la gestione intelligente della valvola combinata collega i tre sistemi termici garantendo una migliore efficienza.

Gli scambiatori di calore sono quindi integrati in un unico modulo, razionalizzando il numero di componenti, ottimizzando il peso e lo spazio occupato e riducendo il consumo di energia. L’iTMM semplifica inoltre il processo di assemblaggio all’interno dell’auto, grazie alla citata riduzione del numero e del peso dei componenti.

Maggiore autonomia a basse temperature per le auto elettriche

Un’auto elettrica può quindi guadagnare un aumento del 20% in termini di autonomia in condizioni di temperature rigide e con l’iTMM combinato ad una pompa di calore. Il motore elettrico viene infatti raffreddato in maniera più efficiente, c’è un miglior comfort climatico all’interno della vettura e la batteria si ricarica più velocemente. Il modulo può essere adattato facilmente alle vetture, e soddisfa gli standard di diagnostica di bordo OBD (On-Board Diagnostic).

Le altre innovazioni Marelli: l’inverter al carburo di silicio

Non è l’unica innovazione proposta ultimamente da Marelli per il mondo delle auto elettriche. Lo scorso anno infatti l’azienda aveva svelato un inverter al carburo di silicio (SiC) da 800 volt che garantisce una migliore gestione energetica per il veicolo, e quindi maggiore autonomia e tempi di ricarica diminuiti. Oltre a consentire la fabbricazione di batterie più piccole ed agili.

Related Posts