Roma, 25/02/2024
Roma, 25/02/2024

Audi rilancia la collaborazione con la Cina

11

Audi stringe con la Cina, annunciando un accordo con SAIC Motors per la produzione di auto elettriche. Visti i ritardi del Gruppo Volkswagen, la casa di Ingolstadt si affiderà ad una realtà rodata per la produzione di una nuova piattaforma EV

Audi punta avanti alla mobilità elettrica e si guarda attorno, aprendo ad una inedita collaborazione. La casa dei quattro anelli, impegnata da diversi anni nella transizione tecnologica con l’obiettivo nel prossimo decennio di dismettere la produzione di veicoli con motori termici, compie un ulteriore passo avanti. In questi giorni è stata infatti ufficializzata la collaborazione con la cinese SAIC.

Audi e la Cina, i ritardi di Volkswagen dietro la collaborazione con SAIC

Parliamo di un importante costruttore automobilistico nella terra del Dragone, proprietaria tra le altre cose della britannica MG, di Maxus e di Loewe, e già alle prese con joint venture con realtà occidentali come General Motors e il Gruppo Volkswagen. All’interno di quest’ultimo ritroviamo Audi, che proprio per via dei ritardi accumulati dal gruppo ha optato per una collaborazione con una compagnia già rodata nel settore elettrico.

Infatti già dal 2026 dovrebbe iniziare la produzione esclusiva di EV da parte del marchio tedesco, ma da Volkswagen ancora non si intravede a breve termine l’uscita della nuova piattaforma elettrica. La SSP (Scalable Systems Platform), chiamata “piattaforma meccatronica” e destinata a soppiantare le MEB (attualmente utilizzata per la ID.3) e la PPE (Premium Platform Electric) per le nuove vetture elettriche, doveva debuttare inizialmente nel 2025. Adesso si parla di slittamento al 2029, se non il 2030.

Per la prima volta Audi si affiderà ad una piattaforma costruita da altri

Motivo per cui Audi si affiderà al rodato know-how di SAIC Motors. Stando a quanto riporta Automobilwoche, ciò si concretizzerà probabilmente sfruttando la piattaforma L7 per veicoli EV che la compagnia cinese adopera per IM Motors, un altro marchio del segmento premium del suo portafoglio. Al momento comunque non sono stati rivelati ulteriori dettagli dell’accordo tra la casa di Ingolstadt e la controparte asiatica. Ma diverrebbe la prima volta che il marchio dei quattro anelli si affida ad architetture sviluppate da altri costruttori.

Audi e i progetti nell’elettrico

Al momento Audi è presente in Cina con i Suv Q4 e-tron e Q5 e-tron. Entrambi sono basati sulla piattaforma MEB, tra l’altro. Nel frattempo la casa tedesca negli scorsi mesi ha presentato il prototipo della Activesphere, crossover coupé appartenente alla gamma sphere elettrica e nata sulla piattaforma PPE. La vettura segue la roadster Skysphere e la superberlina Grandsphere del 2021, e l’Urbansphere presentata nel 2022.

Immagine di Copertina: Audi

Related Posts