Roma, 22/05/2024
Roma, 22/05/2024

Aerei elettrici eVTOL, nasce il primo servizio dedicato in Canada. L’annuncio di Helijet

11

La compagnia aerea Helijet International annuncia l’introduzione di aerei elettrici eVTOL nella sua flotta di piccoli velivoli. In particolare, il mezzo scelto è l’ALIA 250 di Beta Technologies. Gli obiettivi della collaborazione

Helijet International è una compagnia aerea con base a Vancouver che offre anche servizi charter di elicotteri, e a breve anche di eVTOL. La società infatti ha annunciato questa settimana la fornitura di voli passeggeri e merci con aerei elettrici da lei ordinati.

I velivoli a batteria, spiegano da Helijet, rappresentano una delle svolte più importanti nella storia della compagnia fondata 37 anni fa partendo da un solo elicottero a disposizione.

Helijet sceglie Beta Technologies e l’ALIA 250 elettrico

In particolare, entrerà nella flotta l’eVTOL ALIA 250 prodotto da Beta Technologies. Si tratta di un aereo elettrico dotato quattro rotori orizzontali che permettono il decollo verticale, il volo (permesso anche da un quinto rotore presente nella coda del velivolo) e l’atterraggio, sempre verticale.

L’apertura alare è di poco più di 15 metri, l’autonomia di 400 km circa (ricarica in meno di un’ora) e punte di velocità massima di 275 km/h. Inoltre il velivolo dovrebbe essere silenzioso più del 90% rispetto ad un aereo alimentato dal normale carburante. Può ospitare sino a cinque passeggeri, più un pilota. L’eVTOL dovrebbe ricevere la certificazione normativa per i voli commerciali e privati nel 2026.

Gli obiettivi dell’ALIA 250 acquistato da Helijet

L’ALIA 250 sarà utile in particolare nei collegamenti a zone remote non coperte da servizi aerei, oltre che per funzioni di emergenza come trasporto organi o di pazienti o feriti verso gli ospedali. Inoltre l’eVTOL sarà integrato nell’attuale flotta di elicotteri che la compagnia aerea schiera nella Columbia Britannica sud-occidentale ed anche nel Pacifico nord-occidentale.

L’obiettivo del Governo regionale è quello di decarbonizzare i trasporti aerei, come ha spiegato il Premier della Columbia Britannica David Eby, oltre che fornire una più rapida risposta alle emergenze, come abbiamo visto, e collegare zone normalmente più isolate e non servite dalla mobilità aerea.

Non solo aerei elettrici eVTOL: si lavora per la realizzazione dei vertiporti dedicati

Danny Sitnam, amministratore delegato di Helijet, nell’affermare la soddisfazione nel poter collaborare con la realtà con sede nel Vermont Beta Technologies (“leader nel settore avanzato della mobilità aerea”), ha quindi spiegato: “Siamo impegnati a introdurre e integrare tecnologie di spostamento verticale a emissioni zero. Lavoriamo inoltre per le relative infrastrutture di terra nelle comunità che serviamo. Non vediamo quindi l’ora di trasformare la nostra attuale infrastruttura di eliporto per soddisfare i futuri standard dei vertiporti di mobilità aerea urbana”.

Helijet infatti sta lavorando alla realizzazione del primo vertiporto commerciale del Canada, che sorgerà presso l’attuale eliporto nel porto di Vancouver, prospicente al mare. Ad oggi la compagnia dispone di una flotta composta principalmente da elicotteri, in tutto 19 piccoli velivoli.

Helijet e la collaborazione con Blade Urban Air Mobility

Già nel 2021 Helijet aveva iniziato ad approcciare il mondo degli aerei a zero emissioni. In quell’anno infatti fu stretta una collaborazione con la newyorkese Blade Urban Air Mobility. Tra gli obiettivi della partnership, anche il lancio sul mercato della Columbia Britannica di un Electric Vertical Aircraft (EVA), la cui consegna è prevista nel 2024. Sitnam allora dichiarò: “Helijet e Blade collaborano per garantire la nostra leadership combinata nell’adozione anticipata di EVA sulle rotte esistenti nella Columbia Britannica, così come nei nuovi servizi che Blade potrebbe lanciare in futuro”.

Da notare che Blade detiene l’opzione di acquisire il 49% della controllata di Helijet Pacific Heliport Services, che si occupa tra l’altro della gestione dell’eliporto di Vancouver, oltre a quello del Victoria Inner Harbour e di Nanaimo.

Immagine di Copertina: Beta Technologies

Related Posts