Roma, 14/04/2024
Roma, 14/04/2024

Di ritorno l’X-37B: lo spazioplano statunitense ad energia solare rientra dopo 908 giorni in orbita

11

Lo space shuttle militare sviluppato dalla Boeing è rientrato dalla sua sesta missione. Partito il 17 maggio 2020, è atterrato sabato a Cape Canaveral: un viaggio da record per il velivolo

L’X-37B, detto anche Boeing X-37, è un velivolo OTV (Orbital Test Vehicle) sviluppato per la U.S. Space Force con l’obiettivo di testare tecnologie spaziali e attuare esperimenti non classificati.

Un volo da record

L’X-37B è alimentato ad energia solare, è riutilizzabile ed in grado di volare ed atterrare autonomamente. Somiglia a un mini space shuttle e ha appena concluso il suo volo più lungo: dopo i 780 giorni della missione precedente, i 908 attuali segnano un record di permanenza in orbita per il velivolo.

È atterrato sabato al Kennedy Space Center, il centro NASA di Cape Canaveral in Florida, dopo un’altra missione di attività di ricerca non classificate per il ramo spaziale delle forze armate statunitensi.

In questo volo, è stato introdotto per la prima volta un nuovo modulo di servizio che ha permesso un incremento del numero di esperimenti condotti nella missione per conto, ad esempio, del Naval Research Laboratory e della U.S. Air Force Academy. Il modulo, posizionato nella parte posteriore dello shuttle, si è distaccato dal corpo del velivolo prima dell’uscita dall’orbita per garantire un atterraggio sicuro.

Tra gli esperimenti condotti dal velivolo c’è anche un satellite chiamato FalconSat-8, concepito e costruito dai cadetti dell’accademia insieme all’Air Force Research Laboratory; dopo il rilascio ad ottobre 2021, il satellite è ancora attivo in orbita. LX-37B ha anche condotto una ricerca volta a valutare gli effetti di un’esposizione prolungata nello spazio su alcuni tipi di semi.

Secondo il generale Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali della U.S. Space Force, “Questa missione sottolinea l’obiettivo della Space Force di collaborare nell’esplorazione spaziale, e di garantire l’accesso all’ambiente spaziale ai nostri partner, dentro e fuori il ramo dell’Air Force, a costi contenuti”.

Un decennio di servizio

Dal primo lancio dell’X-37B nel 2010, il velivolo ha tagliato traguardi da record e ha offerto al Paese una capacità senza eguali di testare ed integrare rapidamente nuove tecnologie spaziali” ha dichiarato Jim Chilton, vicepresidente senior di Boeing, sviluppatore del velivolo.

LX-37B ha vinto il Collier Trophy nel 2020 per avere contribuito a migliorare le prestazioni, l’efficienza e la sicurezza dei veicoli aerei e spaziali, ed ha viaggiato, ad oggi, per più di 2 miliardi di chilometri e per un totale di 3774 giorni nello spazio.

Related Posts