Roma, 25/02/2024
Roma, 25/02/2024

50 milioni in incentivi per autobus ad alta sostenibilità

11

Aperte da oggi le richieste per 50 milioni di euro in risorse stanziate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti a favore dell’acquisto di autobus ad alimentazione sostenibile da parte delle imprese di trasporto di persone

Gli incentivi sono rivolti alle imprese di trasporto passeggeri per il rinnovo del parco veicoli attraverso l’acquisto di autobus nuovi di fabbrica, ad elevata sostenibilità ecologica, con eventuale e contestuale rottamazione di mezzi obsoleti. Una misura da inserire nel contesto più ampio della scelta della Commissione europea di introdurre l’obbligo di vendita al 100% di autobus urbani a zero emissioni nel 2030.

Tali imprese, iscritte al R.E.N., possono prenotare un incentivo da oggi, 6 marzo, fino alle 12:00 del 5 aprile 2023, tramite la piattaforma dedicata Consap e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

I finanziamenti corrispondono a 50 milioni di euro così ripartiti:

  • 20 milioni per autobus M2 ed M3 di classe B, nuovi di fabbrica, Full Electric (incentivi pari a 50.000 euro), ibrida (diesel/elettrico fino a 40.000) e CNG e LNG (fino a 30.000 euro);
  • 5 milioni per autobus M3 di classe III, nuovi di fabbrica, Full Electric (incentivi pari a 70.000 euro), ibrida (diesel/elettrico fino a 60.000) e CNG e LNG (fino a 50.000 euro);
  • 5 milioni per autobus nuovi di fabbrica, ad alimentazione a gasolio, con motore euro VI step E o categoria superiore, comprese M2 di classe B (incentivo pari a 20.000 euro) e M3 di classe B (30.000 euro);
  • 20 milioni per autobus M3 di classe III, nuovi di fabbrica, ad alimentazione a gasolio, con motore euro VI step E o categoria superiore con un incentivo pari ad euro 40.000.

Ammissibili gli investimenti oggetto di contratto concluso o di proposta ricevuta dall’impresa dal 21 ottobre 2022. Alle imprese che, contestualmente all’acquisizione di un autobus dimostrino anche l’avvenuta radiazione per rottamazione di un autobus di classe inferiore ad euro VI, può essere riconosciuto un aumento dell’incentivo.

Maggiori informazioni contenute nel D.M. n. 222 del 15 luglio 2022.

Related Posts