Roma, 25/02/2024
Roma, 25/02/2024

CES 2023: Stellantis e Factorial hanno presentato l’ultima evoluzione delle batterie a stato solido

11

Durante il CES 2023 di Las Vegas il ceo di Stellantis ha mostrato uno dei frutti della collaborazione con Factorial, azienda specializzata in batterie a stato solido in cui sta investendo il gruppo automobilistico

Tra le tante meraviglie ed innovazioni messe in mostra e lanciate al CES 2023 di Las Vegas, e di cui abbiamo tracciato un bilancio, per quanto riguarda il tema della mobilità sostenibile c’è stato anche spazio per le batterie a stato solido (SSB), nuova frontiera energetica che sta insidiando le attuali agli ioni di litio.

Stellantis e l’investimento in Factorial

Su queste pagine abbiamo già dato uno sguardo alle SSB e a loro vantaggi in termini di maggiore efficienza e sicurezza, e a questa tecnologia che sfrutta un elettrolita di tipo solido: caratteristiche che non sono sfuggite a grandi gruppi automobilistici come Stellantis, che negli ultimi anni ha investito in Factorial, start-up impegnata nello sviluppo di celle per accumulatori a stato solido che si presentano affidabili e con una autonomia maggiore rispetto ai modelli agli ioni di litio. Presentano, inoltre, tempi di ricarica più rapidi e minori rischi di surriscaldamento ed incendio: un investimento, iniziato nel 2021, che va di pari passo con la politica di Stellantis verso una totale elettrificazione delle sue vetture.

Entro il 2026 il gruppo, che sta entrando anche nel mercato della mobilità aerea avanzata, punta ad implementare le nuove batterie su larga scala per i loro veicoli, con Factorial che ha messo in piedi uno stabilimento nel New England per la produzione di questi dispositivi, raggiungendo nel frattempo un primo traguardo tramite la produzione di una cella a stato solido capace di ottenere il valore di riferimento di 40 ampere/ora in condizioni di temperatura ambiente.

Il primo prototipo di batteria a stato solido a 100 Ah

Ma al CES di Las Vegas appena conclusosi è stato presentato un ulteriore passo avanti, con lo svelamento del prototipo a 100 Ah. L’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha spiegato che queste batterie presentano una densità maggiore del 30% rispetto alla versione agli ioni di litio: di conseguenza l’autonomia cresce a parità di peso, oppure viene garantito un minor peso dell’accumulatore ad autonomia invece invariata.

Con Factorial stiamo sviluppando una tecnologia proprietaria che utilizza meno cobalto. Insieme, stiamo già lavorando alla prossima generazione che porterà il valore della densità al 50%”, ha spiegato Tavares, rivelando inoltre che queste batterie saranno disponibili entro il 2026. L’amministratore delegato di Factorial, Siyu Huang, ha aggiunto: “Siamo entusiasti di poter presentare le nostre celle allo stato solido di grande formato all’interno di una batteria per autoveicoli. La tecnologia delle batterie a stato solido sta avanzando rapidamente e possiamo affermare di essere all’avanguardia nello sviluppo di questo tipo di celle. Siamo immensamente grati a Stellantis per la collaborazione nel portare la nostra tecnologia sul mercato”.

Immagine di copertina: Factorial Energy

Related Posts