Roma, 30/05/2024
Roma, 30/05/2024

Huawei sempre più impegnata nelle auto elettriche. Lanciato un nuovo modello che sfida Tesla

11

Huawei prosegue ad investire nell’industria della auto elettriche collaborando con marchi cinesi. È la volta della Luxeed S7, frutto della partnership con la casa automobilista Chery e che punta a sfidare direttamente la Model S di Tesla

Si sa che l’industria e il mercato delle auto elettriche sono in fermento da anni in Cina, la quale detiene al momento una posizione di leadership globale nel settore (e ormai anche nelle esportazioni dei veicoli a livello mondiale).

Huawei ora investe nel settore delle auto elettriche

Tra i vari marchi del Dragone impegnati nell’offensiva ai colossi europei, americani e giapponesi dell’automotive è sceso nell’agone anche Huawei. Un leader nel settore delle telecomunicazioni che si vuole misurare nel mercato automobilistico (soprattutto da quando ha subito delle limitazioni fuori dalla Cina nella sua attività principale), andando a puntare nientemeno che Tesla, per insidiarla nel suo stesso campo.

O meglio, a realizzare la vettura ci ha pensato Chery, realtà cinese che, lei sì, produce direttamente auto. Com’è il caso di questo veicolo inserito nel segmento premium, la Luxeed modello S7 destinata perlopiù ad un pubblico femminile. La vettura è frutto di una collaborazione che pone enfasi su uno degli aspetti che sta contraddistinguendo l’industria dei BEV cinesi, ovvero l’alta sofisticazione tecnologica. E su questo fronte si inserisce il ruolo di Huawei, che ha dotato l’auto del marchio di lusso Luxeed di una serie di funzioni avanzate, tra cui il nuovissimo sistema operativo HarmonyOS 4.

“Superiore alla Tesla Model S”

Sarà superiore alla Tesla Model S sotto molteplici aspetti”, ha dichiarato tronfio qualche mese fa Richard Yu, a capo della divisione auto di Huawei. Si vedrà. Intanto la tecnologia raffinata non si ferma soltanto al sistema operativo. La Luxeed S7 infatti sarà dotata di funzioni di guida assistita ADS 2.0 sviluppate dal gigante delle telecomunicazioni, e sensori LiDAR montati sul tetto. L’auto misura 4,9 x 1,9 x 1,4 metri, il passo è di 2,9 metri e il peso oscilla, a seconda dell’allestimento e della batteria montata, tra i 1.975 e i 2.170 kg.

Il propulsore e la batteria della Luxeed S7

Non solo però software. Huawei ha infatti sviluppato anche i powertrain. Il modello base presenta un motore da 215 kW, mentre quello dotato di doppio propulsore e trazione integrale vede la presenza di un secondo che aggiunge ulteriori 150 kW. La piattaforma è invece la E0X per vetture elettriche di Chery.

Per quanto riguarda la batteria, com’era ovvio aspettarsi essa è prodotta dal colosso cinese CATL. In particolare, parliamo di una LFP (litio-ferro-fosfato) da 800 volt presente nella versione base. In quella dual motor la Luxeed avrà al suo interno anche una batteria M3P (che contiene al suo interno come materia prima anche il manganese e aumenta il valore della densità energetica del 20%), anche questa fornita da CATL.

Nella conferenza stampa di presentazione della Luxeed Yu ha affermato che 15 minuti di ricarica consentono un’autonomia di 400 km. Maggiore quindi dei 347 km coperti dalla Model S di Tesla a parità di periodo di carica.

Iniziate le prevendite: ecco il prezzo della Luxeed S7 di Huawei

Questa settimana sono partiti i preordini, con un prezzo di partenza di 258.000 yuan. Ovvero 35.400 dollari, a dimostrazione della grintosa politica concorrenziale della Cina sulla leva prezzi. Per dire, sempre restando sul confronto con la Model S, in Cina quest’ultima viene venduta alla cifra di 95.800 dollari. Il 28 novembre inizieranno invece le vendite regolari.

Le altre collaborazioni automotive di Huawei

La Luxeed S7 non è comunque il primo veicolo proposto da Huawei. La compagnia infatti nel 2021 ha lanciato assiema ad un’altra casa automobilistica cinese, la DongFeng, la Seres 5 con al suo interno un pacco batterie da 80 kWh, e con un’autonomia dichiarata di 500 km con una sola ricarica. Inoltre la vettura è compatibile con i sistemi di ricarica bidirezionale V2V (Vehicle-to-Vehicle) e V2L (Vehicle-to-Load).

L’anno dopo è stata la volta del Suv elettrico Aito M9, in collaborazione con il marchio specializzato in auto elettriche Seres. In Europa è approdato quest’anno, ribattezzato Seres SF5. Il Suv è dotato di due motori elettrici da 430 kW, un pacco batterie da 80 kWh, autonomia di 500 km e un prezzo di 49.500 euro. Primo mercato di penetrazione la Norvegia, molto sensibile – e molto avanti – sui temi della mobilità elettrica.

Immagine di Copertina: Huawei / Chery International

Related Posts